San Raffaele: stop ai licenziamenti

San Raffaele: Protocollata la mozione urgente. Verrà discussa nel corso del prossimo Consiglio regionale previsto per martedì 23 aprile.
Questa mattina abbiamo protocollato la mozione urgente, (MOZ7) sottoscritta anche dal consigliere regionale dei Pensionati Fatuzzo, in merito alla gravissima situazione occupazionale e finanziaria dell’Ospedale San Raffaele (in allegato)
Da mesi i nostri attivisti a 5 stelle seguono la difficile e ormai tragica situazione del San Raffaele. In questi giorni, a seguito del drastico peggioramento delle informazioni in merito ai licenziamenti, abbiamo trascorso la mattina del lunedì e il pomeriggio del martedì al presidio dei lavoratori. Abbiamo tentato di fare accesso agli atti per avere il bilancio consolidato 2012 su cui si basano le lettere di licenziamento, ma non siamo nemmeno riusciti ad entrare negli uffici competenti. Ho avuto solo un breve scambio telefonico con l’amministratore delegato Bedin, che mi ha confermato che fino a fine giugno il bilancio non sarà pubblico.
Abbiamo ritenuto opportuno che io mi recassi sul tetto della struttura a incontrare alcuni lavoratori, a cui abbiamo fatto un’intervista per dare voce alla loro protesta.
Questi 244 licenziamenti sono inaccettabili. Abbiamo ritenuto indispensabile agire con urgenza per chiedere e ottenere dalla Giunta Regionale che si attivi nei confronti della proprietà per l’immediato reintegro dei lavoratori  e per una celere riapertura del tavolo di trattativa tra le parti per garantire il mantenimento degli attuali livelli occupazionali e il rilancio della struttura.
Anche a seguito del nostro impegno, i lavoratori in presidio dalla mattina, sul tetto dell’Ospedale San Raffaele, hanno deciso di scendere e di proseguire la legittima, e civile, protesta insieme ai loro colleghi.
Abbiamo inoltre chiesto l’intervento dei nostri colleghi parlamentari affinchè questa brutta vicenda ottenga il dovuto interesse anche da parte delle istituzioni centrali.
Continueremo a lottare affinchè i deliranti anni di scempio politico che hanno creato quei buchi di bilancio, non vengano fatti pagare dai lavoratori onesti e non colpevoli.
La democrazia è giustizia sociale. E la giustizia è l’esatta misura del dovuto ad ogni persona. A questi lavoratori non può essere dato questo trattamento, se crediamo davvero nella giustizia sociale.
Buona democrazia a tutti!
Noi non molleremo mai!
Annunci
Lascia un commento

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: